La guida al cambio del pannolino in 8 passaggi

Cambiare il pannolino di un bambino è un compito essenziale che fa parte dell’igiene quotidiana del neonato. I genitori scoprono presto che è un compito che occuperà molto del loro tempo: dovranno infatti affrontare fino a 12 cambi al giorno!

Per fortuna pian piano il numero di cambi diminuisce fino al momento tanto agognato dello “spannolinamento” del bebè. Ma prima di giungere a quel giorno, il cambio del pannolino è un rito che va preso molto sul serio: è importante infatti monitorare la zona del pannolino per prevenire irritazioni o episodi di dermatite molto fastidiosi.

Cos’è l’eritema da pannolino

La dermatite da pannolino è una reazione infiammatoria acuta della pelle a contatto con il pannolino. Questa condizione dermatologica, tipica dei bambini, è più comune tra i 9 e i 12 mesi di età. Diversamente da quello che molti pensano, non è l’umidità in sé a causare questa grave irritazione: sono urina e feci combinate con la mancanza di traspirazione a irritare la zona e a produrre questa fastidiosa reazione cutanea.

LEGGI ANCHE: La dermatite da pannolino: tutto ciò che c’è da sapere

Per prevenire la comparsa della dermatite da pannolino è sufficiente prendersi cura dell’igiene della zona del pannolino: una pulizia adeguata dopo ogni cambio è fondamentale. E soprattutto, come è facile immaginare, è importante cambiare spesso il pannolino. Ma vediamo nel dettaglio gli 8 passaggi basilari per il cambio.

1 – Prepara lo spazio per il cambio del pannolino

Per cambiare correttamente il tuo bambino, hai bisogno di un posto adatto. Puoi adagiarlo comodamente su un materasso, su un fasciatoio (nella cameretta o in bagno) o su un tavolo dedicato al cambio. Attenzione: anche se il tuo bambino non si muove ancora molto, non lasciarlo andare in nessun momento.

Un bambino sa sperimentare acrobazie che non ti aspetti, specialmente quando si sente libero del pannolino e rischia di cadere proprio quando distogli lo sguardo per un secondo.

Il fasciatoio deve essere protetto dalle correnti d’aria sempre e dai raggi solari diretti nelle stagioni più calde: verifica che la superficie dove appoggerai il piccolo non sia troppo fredda e che l’ambiente in generale dove è posizionato il fasciatoio abbia una temperatura non troppo bassa, dal momento che il piccolo dovrà restare parzialmente nudo per il tempo del cambio. Se ti trovi fuori casa, cerca di evitare soprattutto gli spifferi.

2 – Predisponi prima quello che ti occorre

Niente è più fastidioso che rimanere senza pannolini o salviette quando hai già spogliato il tuo piccolo. Per evitare questo inconveniente, assicurati di rifornire regolarmente gli scomparti del tuo fasciatoio. Dovresti sempre essere in grado di avere a portata di mano i pannolini, un cambio di vestiti (se necessario), asciugamani puliti, una spugna, acqua se necessaria, detergente delicato, salviettine usa e getta e la crema per la zona pannolino.

Se non hai il fasciatoio in bagno o se ti trovi fuori casa, cerca di avere sempre a disposizione acqua tiepida in un thermos. Per tenere occupato il tuo piccolo avventuriero e assicurarti che rimanga calmo, munisciti di sonaglino musicale e peluche!

3 -Vesti il tuo bambino con abiti comodi per il cambio

Gli abiti dei bambini possono essere veramente adorabili ma non sempre pratici: meglio scegliere vestiti facili da indossare e da togliere. I body che si aprono e si chiudono con bottoni a pressione sono ottimi per il cambio del pannolino, soprattutto nei primi mesi, per evitare di lasciare il tuo piccolo nudo troppo a lungo. Imparerai ad apprezzare  i pantaloni e le tutine con i bottoncini o gli abitini che è semplice sollevare o aprire sul davanti.

4 – Pulisci bene la zona del pannolino

cambio-pannolino-guida

La pelle a contatto con il pannolino è particolarmente sensibile. Pertanto, scegli sempre salviette senza profumo, come le salviette dermo-idratanti Suavinex: sono arricchite con estratti di aloe vera e camomilla, per detergere delicatamente e mantenere la pelle idratata. le salviette ti aiutano a rimuovere lo sporco anche attraverso le pieghette della pelle.

5 – Gestisci correttamente il bambino

Anche se il tuo neonato durante il cambio del pannolino è capace di contorsioni sorprendenti, come prendersi il piedino e portarselo alla bocca, tuttavia durante il cambio devi sollevare le sue natiche con cura e delicatezza e poi puoi far rotolare comodamente il tuo bambino su un fianco. La posizione prona può essere utile per lavare il sederino. Piano piano che diventa più grande, il tuo bambino può esercitarsi a sollevare la testa e rafforzare la schiena mentre lo pulisci.

6 –  Applica una crema

Dopo aver pulito il piccolo, asciuga accuratamente la zona del pannolino: puoi usare un asciugamano, mentre un asciugacapelli – che alcuni genitori scelgono di usare – può essere pericoloso, se non si è molto attenti e non si evita di far andare l’aria calda direttamente sulla pelle.

Prima di mettergli un nuovo pannolino, per prevenire la comparsa di dermatiti, è bene usare una buona crema, che fungerà da barriera proteggendo la pelle delicata della zona del sederino e delle parti intime: la Crema Cambio Pannolino Suavinex, grazie alla combinazione di burro di karité, olio di mandorle e enotera, nutre la pelle rafforzando la sua barriera protettiva e isolandola dall’umidità.

In caso di irritazione, puoi invece utilizzare la Pomata Cambio Intensiva Suavinex, che è più preventiva e lenitiva: grazie alla sua formula arricchita con ossido di zinco e biossido di titanio, crea uno strato protettivo che isola la pelle dall’umidità e contribuisce a ridurre il rossore e le irritazioni causate da urina e feci.

7 – Fai attenzione a come metti il pannolino

Per indossare un nuovo pannolino, solleva delicatamente il sedere del tuo bambino e fai scorrere metà del pannolino sotto il tuo bambino. Quindi, passa l’altra metà del pannolino tra le sue gambe per piegarlo sulla sua pancia e poi chiudi il pannolino con le linguette adesive situate sui lati. Fai attenzione a non sollevare il tuo bambino per le gambe perché non fa bene ai suoi fianchi. I bordi del pannolino dovrebbero abbracciare il corpo ma senza esser stretti. Assicurati di poter inserire facilmente un dito o due tra il pannolino e il suo pancino all’altezza della vita. Se è così, il pannolino è perfettamente a posto.

8 – Rivesti il bambino

Hai rimosso il pannolino sporco, hai pulito il tuo bambino e gli hai fatto indossare un pannolino pulito? Quindi è giunto il momento di vestire il piccolo prima che abbia freddo. Anche se, i primi giorni, il cambiamento richiederà un’eternità, goditi il ​​cambio come un prezioso momento di condivisione con tuo figlio. Scambia con lui sguardi teneri, parlagli e cantagli qualche canzone. Se il tuo bambino reagisce con un sorriso o un gridolino felice, prendilo come un complimento: sicuramente sta apprezzando la tua attenzione e le tue coccole!