Musica in gravidanza: ecco perché fa bene a mamme e bambini

Musica, preziosa alleata in gravidanza sia per la mamma che per il bambino: cantare una ninna nanna o ascoltarla, infatti, ha il potere di rallentare i battiti del cuore di entrambi, abbassando i livelli di stress e di stanchezza

Non solo, alcuni studi hanno dimostrato che può aiutare il piccolo a sviluppare il cervello, dentro il pancione. 
Ecco qui sotto vi spieghiamo perché ascoltare musica in gravidanza fa bene e quale musica ascoltare.

Musica in gravidanza: perché fa bene?

Gli scienziati hanno dimostrato che, nel terzo trimestre, un futuro nascituro può riconoscere la voce della madre e persino iniziare a ricordare schemi di parole e rime. 

Ha senso quindi che anche la musica abbia un impatto, ma ascoltare musica classica rende davvero un feto più intelligente? 

Il concetto che suonare musica classica vicino al pancione possa rendere il bebè più intelligente è diventato popolare alla fine degli anni Novanta, ma non vi è evidenza scientifica. 

La leggenda nasce dallo studio della psicologa Frances Rauscher condotto sugli studenti universitari americani, il quale ha trovato un piccolo legame tra il QI e l’ascolto di Mozart, ma questo non si è mai capito come possa c’entrare con i neonati. 
Di certo, l’ascolto di musica classica può rendere il cervello del piccolo più attivo: infatti, i bambini nel grembo materno hanno mostrato una maggiore attività cerebrale se esposti alla musica o comunque ai suoni.

La voce della mamma sul nascituro

Per esempio, sono state condotte molte ricerche sugli effetti della voce di una madre sul nascituro.
Quando una madre legge ad alta voce, la sua voce ha un effetto calmante sul nascituro, diminuendone la frequenza cardiaca. Inoltre, è stato dimostrato che l’intonazione in una voce dà forma all’apprendimento uditivo, portando il neonato a riconoscere e prediligere la voce della madre, la quale influisce anche sul suo sviluppo sociale ed emotivo.

Il ruolo della musica sullo sviluppo del bambino del neonato

Tornando alla musica, nonostante la mancanza di prove che quella classica crei bambini più intelligenti, studi interessanti hanno dimostrato che può avere comunque un ruolo nello sviluppo del cervello prima della nascita

Una ricerca condotta nel 2013, per esempio, ha dimostrato che l’esposizione alla musica di un bambino non ancora nato ha avuto un effetto a lungo termine sul suo cervello: gli scienziati hanno scoperto che i neonati potevano ricordare una versione di “Twinkle, twinkle little star” suonata loro nel grembo materno e reagivano in modo diverso quando venivano riprodotte versioni alternative. 

Questi ricordi creati prima che nascessero sono durati fino all’età di quattro mesi.

Non solo: altri studi hanno dimostrato che i bambini nascono con la capacità innata di rilevare i battiti musicali

E, cosa ancora più importante, alcune ricerche suggeriscono che la musica rilassante può incoraggiare i bambini prematuri a nutrirsi e potrebbe migliorare i loro segni vitali come la frequenza cardiaca e i livelli di saturazione di ossigeno. 

Infine, una ricerca del 2014 mostra che le donne incinte sono più sensibili alla musica rispetto a quelle non incinte, mostrando un aumento della pressione sanguigna in risposta.

Che musica ascoltare in gravidanza?

Cantare ninne nanne ai bambini è sempre stato naturale per i genitori e può darsi che ci siano dei benefici nell’ascoltare la musica nel grembo materno che devono ancora essere pienamente esplorati.

Di certo, nel terzo trimestre il bambino sarà sicuramente in grado di ascoltare la musica che scegliete. E mentre i suoni dolci, come le ninne nanne, sono progettati per essere rilassanti, i bambini non ancora nati sono spaventati da rumori molto forti o irregolari e troppo rumore può essere stressante. 

Assicuratevi quindi che il volume non sia troppo alto e che la vostra scelta musicale sia abbastanza melodica: insomma, aspettate ancora qualche anno prima di fargli ascoltare il metal!

che-musica-ascoltare-in-gravidanza-suavinex

Come ascoltare la musica in gravidanza

Vi sono diversi modi per avvicinare il bebè nel pancione alla musica. In primis, evitate di avvicinare le cuffie al pancione, non ce n’è bisogno. Ma fate così: 

  • Perché non riprodurre musica in casa e vedere se si ottiene una reazione? Ricordate solo di tenere il volume basso!
  • Il relax fa bene a entrambi, quindi mettetevi sul divano super rilassate e ascoltate le canzoni che vi rendono felice.
  • Se vi piace vedere la musica dal vivo, fatelo: il bambino è protetto dalla maggior parte dei rumori forti dagli strati che lo circondano. Ma l’esposizione a rumori prolungati ed estremi, tuttavia, può essere dannosa.

Cantare canzoni al pancione è un modo adorabile per legarvi al bambino: lui apprezzerà la vostra voce e saprà riconoscerla anche una volta nato.

Musica in Gravidanza, scopri questo momento di relax!

Come creare una playlist

In Internet esistono tanti siti o app da utilizzare per poter ascoltare musica in modo gratuito o per creare le proprie playlist. 

Per esempio, entrando in Spotify, basterà digitare “Ninna nanna” nella casella di ricerca per accedere a delle playlist già create da altri utenti. Volete crearne una voi solo vostra? 

Tempo richiesto: 5 minuti.

Come creare una Playlist su Spotify

  1. Crea un account

    Sul sito di Spotify, fornite le vostre credenziali e create il vostro account.

  2. Crea una playlist

    Una volta creato il vostro account, cliccate su Crea playlist e cercate i brani che volete aggiungere. Per aggiungere i brani alla playlist, cliccare il tasto + di fianco al nome della canzone.

  3. Dai un titolo alla tua playlist

    Infine, date un titolo alla vostra nuova raccolta e la troverete nella vostra libreria personale, pronta per essere ascoltata tutte le volte che volete!

Per esempio, su Spotify potete ascoltare la playlist #HyggeMaternity a questo link.

Preferite utilizzare YouTube? Anche qui è facilissimo creare una playlist: trovate un video che volete aggiungere alla playlist; sotto il video, fate clic su “Salva”; selezionate una playlist come Guarda più tardi o una che avete già creato, oppure fate clic su Crea nuova playlist (se create una playlist, specificate il relativo nome); utilizzate la casella per selezionare l’impostazione di privacy della playlist (se è privata, può essere visualizzata solo da voi); infine, fate clic su Crea.

Fonti: